Lettera ai Cittadini di Magenta

Cara Magentina, caro Magentino,

il 25 giugno si vota per decidere chi sarà il nuovo sindaco di Magenta. Sarà una scelta importante per il futuro della nostra città, che grazie alla vostra fiducia ho avuto l’onore di amministrare in questi cinque anni. Come sindaco ho cercato di viverli con un atteggiamento di ascolto, trasparenza, collaborazione con tutti i cittadini. Senza chiedere conto delle appartenenze politiche, ma riconoscendo il valore di tutte le opinioni e di tutte le proposte, che abbiamo cercato con ogni sforzo di accogliere e sostenere. Abbiamo trovato una città troppo divisa per appartenenze, e abbiamo dato il massimo per riunirla, con un lavoro comune durato cinque anni.

La città – lo sappiamo bene – ha attraversato un periodo duro, caratterizzato da pesanti tagli alle risorse del Comune e da una crisi economica che ancora morde i cittadini, le famiglie e le imprese. Come sindaco ho incontrato tantissimi di voi, ascoltando i vostri bisogni e le vostre difficoltà, anche se non sempre ho avuto strumenti concreti per dare risposte immediate. Vi assicuro che questi sono i momenti più amari per un sindaco.

Anche nel voto dell’11 giugno ho sentito e compreso la vostra voce, che ci chiede un maggiore impegno per la città e ancora più concretezza per risolvere i problemi.

Nei prossimi cinque anni c’è un lavoro da portare a termine. Perché tanto abbiamo fatto, ma tanto c’è ancora da fare. L’Amministrazione che ho guidato si è concentrata sulle politiche sociali, per non lasciare indietro nessuno, e su un grande piano di manutenzioni di scuole e strade, per rendere Magenta una città più bella e vivibile. Abbiamo posto le basi per due grandi progetti di riqualificazione delle aree industriali dismesse, ex Saffa ed ex Novaceta.

Adesso voglio mettercela tutta per andare avanti. Lo devo a tutti quelli che hanno creduto in me e anche ai cittadini che non mi hanno votato al primo turno. Lo devo a Magenta, che amo e che ho sempre rispettato, anche quando non ha condiviso il mio pensiero. Io sono pronto, ma ho bisogno di voi e del vostro sostegno.

Domenica 25 giugno vi chiedo di rinnovarmi la vostra fiducia e di sostenermi con il vostro voto. Per continuare – insieme – a fare di Magenta una città più vivibile, solidale e sicura.

 

 

 

I nostri progetti per Magenta: avanti!

Avanti con importanti lavori pubblici:

  • prosecuzione della pista ciclabile per Corbetta
  • collegamento ciclabile tra via Isonzo e via Foppa a Pontevecchio
  • riqualificazione di via Garibaldi che sarà concordata con residenti e commercianti
  • sistemazione di piazza Kennedy con un concorso di idee e la partecipazione dei cittadini.

Avanti con l’apertura del centro diurno per adolescenti in villa Colombo.

Avanti con un’unica, grande opera pubblica: la manutenzione ordinaria e straordinaria di tutte le scuole.

Avanti per una città che accoglie, nel rispetto delle regole.

Avanti con la riqualificazione della ex Novaceta. Ospiterà uffici e strutture industriali per la logistica:

  • L’insediamento dell’azienda creerà centinaia di opportunità di lavoro per i magentini.
  • Sarà creato un nuovo parcheggio da 500 posti auto a servizio della stazione.
  • L’ex CRAL sarà ceduto al Comune e diventerà un parco pubblico da 14mila metri quadri.

Avanti con il progetto Saffa. È una grandissima area, che un tempo ospitava un’importante fabbrica di Magenta, oggi chiusa e in rovina, e che sarà riqualificata:

  • Chi è coinvolto: Civitas Vitae, il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, la Società Umanitaria.
  • Cosa sorgerà: strutture sociali per anziani non autosufficienti e diversamente abili; un polo museale dedicato alla storia della SAFFA; spazi dedicati ai giovani e alla creatività; impianti sportivi; nuove abitazioni.
  • I lavori di riqualificazione dell’area creeranno oltre 2mila posti di lavoro nei primi 3 anni.
  • Saranno recuperati anche i luoghi storici e religiosi di Pontenuovo: dogana austriaca, teatro, luoghi di Santa Gianna.
  • Per questo progetto rimane fondamentale la variante di Pontenuovo, con cui è del tutto compatibile.
  • Con le risorse che il Comune otterrà da questo piano, sarà riqualificata via De Medici e completato il collegamento ciclabile tra Pontenuovo e la stazione ferroviaria.